May dire Lord: A Terè datte ‘na regolata

4

8 marzo 2017 di Scarpe Sciolte

Ieri mentre andavo in palestra, sugli schermi giganti alla reception, mi ritrovo questo messaggio della BBC The government has suffered a second Brexit defeat in the House of Lords as peers backed, by 366 votes to 268, calls for a “meaningful” parliamentary vote on the final terms of withdrawal”.
(Per i non anglofoni il succo è questo: Il governo è stavo nuovamente sconfitto nella House of Lords. Il parlamento avrà quindi voce attiva nella negoziazione con l’Europa).

Non vi nego che ho avuto un sussulto di soddisfazione che nemmeno [sportivo X] quando ha vinto la [coppa Y].
Per la X scegliete uno sportivo di vostra preferenza e fategli vincere la coppa Y, anch’essa di vostra preferenza.
Dopo questo temerario tentativo di “Blog 4D”, veniamo a noi e facciamo un minimo di luce su quello che è successo, stavolta senza troppi fronzoli che stamattina ho un sacco di lavoro da fare e se non mi metto all’opera mi licenziano in tronco.

Il Governo è stato nuovamente sconfitto nella House of Lords, sul fronte Brexit.
Adesso non so voi ma a me questa situazione mi ha fatto venire in mente “Lord Wells”, il Lord inglese con la canottiera della salute, protagonista di numerosi albi dell’indagatore dell’incubo.
In particolar modo mi è venuto in mente per la sua partecipazione nell’albo “Gli Uccisori” dove, armato di un marchingegno di sua produzione, andava in giro per Londra alla ricerca della gente che era impazzita e che, allegra come un Hobbit a cavallo di un barile di erbapipa di Pianilungone, andava in giro per la city ad ammazzare a destra e sinistra.

In questo caso il Lord rappresenta, appunto, I Lord della House of Lords. Per la gente impazzita fate voi perchè penso che ormai si è capito…

lord wells

Lord Wells e la sua canotta della salute

 

Vabbè, finito il momento Nerd, torniamo a bomba al succo dell’articolo.
La prima sconfitta avvenne qualche giorno fa circa il diritto di permanenza dei cittadini UE nel Regno Unito.
Senza troppi giri di parole, quella volta la House of Lords disse al governo dei Tory “dateve una regolata perchè qui I cittadini europei sono I benvenuti).
Non tanto (penso) per uno spirito di umanità e di gioia fra I popoli, piuttosto per evitare il problema “inverso” con tutte quelle centinaia di migliaia di cittadini britannici che vivono in Europa (che sono un numero maggiore degli immigrati in UK). Perchè se “noi” qui in UK diamo fastidio, in quanto cittadini europei, l’Europa potrebbe pure dire lo stesso per la controparte “british” sparsa qua e la per il vecchio continente.
Diciamo che questo voto era più, per il mio modestissimo parere, una sorta di “una mano lava l’altra e tutte e due lavano il viso”.
Il voto di ieri è piuttosto simile in termini concettuali e non fa altro che ricordare alla May e alla sua gente che “non esistono solo loro” e che il parlamento deve avere il diritto di valutare e, in caso prendere attivamente parte, alle negoziazioni che avverrano quando l’articolo 50 verrà invocato.
In pratica I nostri cari Lord hanno detto: “A Terè, mica pe gniente, ma se non c’hai fatto caso ce stamo pure noi. Tu inizia ‘co ‘ste negoziazioni ma stai in campana che se te fai partì la scimmia, noi te bocciamo tutto e poi vedemo che succede”.

Ah… I fantastici risvolti del vivere in democrazia!

Non c’è che dire, questo “ridimensionamento” del potere dei Tory non può che fare bene ad un clima di incertezza che si era venuto a creare a causa di un governo che ha agito arrogandosi il diritto supremo di decidere “per tutti e su tutto” in modo arrogante e, a buon intenditor poche parole, “destrorso”.

Il voto di ieri è quindi la conferma che “non tutto è perduto” e che, fortunatamente giu nella cara e vecchia Inghilterra c’è ancora qualcuno armato dell’arma più potente del mondo: il raziocinio.

Come sempre, vi terrò aggiornati non appena ci saranno nuovi sviluppi!

Nel frattempo, come sempre, statemi bene.
E buona festa della donna!

Ste

Annunci

4 thoughts on “May dire Lord: A Terè datte ‘na regolata

  1. Lauryn ha detto:

    incrociamo le dita. se buttano giù il Governo e fanno finta che la Brexit non sia mai esistita? ahahhahah

    Mi piace

  2. massimotorino ha detto:

    In effetti rispondo da ignorante, in materia inglese, ma ribalto il tutto pensando all’Italia. Disunire le popolazioni non può fare altro che del male al mondo. Probabilmente non è facile, unirle, ne sono conscio, visto che solo qualche decennio fa finiva la seconda guerra mondiale. Però non possiamo continuare ad ammazzarci tra di noi, sperando nell’arrivo degli alieni cosi da farli diventare extracomunitari e unirci contro di loro. Spero che si sia capito il concetto.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

La nostra guest house

Ciao bella gente! É con estremo piacere che vi informo che finalmente la nostra guest house é pronta! Se cercate, quindi, un bel letto matrimoniale comodo con TV e Wi-Fi vi consiglio di dare un'occhiata al nostro sito web! Stefano, Federica, la piccola Ale e quel mattacchione di Totó, vi danno il benvenuto a "The Shire": la nostra guest house nel cuore della Scozia Centrale :-) www.theshireguesthouse.com

Archivio

Calendario dei post

marzo: 2017
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: