La brum del capo: quanto costa una macchina in Scozia?

3

10 agosto 2016 di Scarpe Sciolte

Cari lettori e care lettrici,
In questa fresca giornata di Agosto, in cui è appena rientrata l’allerta gialla per il vento, in cui sono stato testimone di lavatrici stese ed asciugate in 4 secondi netti e, non pago, ho addirittura visto in TV una piattaforma petrolifera essere stata scardinata dal mare aperto per essere poi delicatamente spinta fino a riva, mi è venuta voglia di parlarvi del mezzo di trasporto per antonomasia: La famosissima e intramontabile Brum del capo, possibilmente senza puff nella gomma.

oil rig

In Scozia le petroliere sono solite andare a spasso liberamente e, quando sono stanche di fare il bagno tornano a riva

Una delle cose che generalmente affligge chi vorrebbe trasferirsi in una nazione estera, ma anche semplicemente in una regione diversa dalla propria è, in linea di massima, il costo della vita.

rabbino

Il momento rabbino, bene o male, ce l’abbiamo tutti

Ovvio che sapere piú o meno quanto costa una bene o un servizio, in paragone con lo stipendio che uno andrebbe a prendere a fine mese, ti puó dare una bella mano per quanto riguarda il “fare la scelta giusta”.

baracca

Un esempio di scelta non giusta

Proprio per questo motivo, all’inizio di questo blog, in uno dei miei primissimi articoli, suggerivo l’utilizzo del sito piú amato dagli statistici appassionati di dittonghi, ovvero, Numbeo.com
Numbeo, per tutti quegli adoratori di satana che si fossero persi l’articolo in questione, altro non é che un sito dove è possibile verificare numerosi indici statistici/economici di parecchie città sparse qua e la per il pianeta, avendo la possibilità di metterle addirittura a paragone.

don camillo

Don Camillo non é contento che vi siate persi l’articolo in questione

Facciamo un esempietto pratico pratico…
Potete andare a digitare, nella casella di ricerca, la nostra cara (letteralmente parlando) “Edimburgo”, e vi potete vedere, tranquilli e senza fretta, manco foste un pensionato di fronte ad un cantiere della Metro C, tutti quei parametri di interesse planetario quali: costo del latte, salario, biglietto del bus, birra, sicurezza, istruzione, sanità, benzina, tric e trac, bombe a mano, banane non troppo mature e tante altre cosette sicuramente utili per la scelta della futura nazione in cui ci si presenterá nelle sgargianti e policromatiche vesti di immigrato povero e squattrinato.

faccia

Io, appena arrivato in Scozia

Ora, tutta questa introduzione giusto per dire che, bene o male, le informazioni che sto per darvi magari avreste giá avuto la possibilità di andarvele a cercare, ma non vedo il motivo per il quale dovrei esimermi dal partire con il mio solito “pippone” fatto di frasi sconnesse, elucubrazioni mentali e volgarità totalmente gratuita.

uomini e donne

Tipico esempio di volgarità gratuita

Vabbè ciancio alle bande, andiamo a spendere un quattro chiacchiere circa quanto può costare l’essere talmente tanto nobili da possedere una macchina qui in Scozia.
Il sottoscritto, nel momento in cui vi scrive, possiede 2 vetture: una é una piccola monovolume del 2006, l’altra é una Ferrari Enzo modello “che te dico fermate”.

renzo.png

Io mentre faccio prendere aria alla macchina dopo essere andato a pesca

Visto che la Enzo modello “che te dico fermate”, bene o male, in garage ce l’abbiamo tutti e costa più o meno uguale in tutto il mondo, parliamo, diretti come un volo di stato alla finale del Roland Garros, della mia seconda vettura, ovvero quella che uso solamente per le occasioni speciali e per i gran galà: la mia cara Opel Meriva del 2006 che ha appena superato le 100mila miglia (160’000 Km) e con la quale faccio parecchio successo nei club di golf più in, tra un green e l’altro.

 

golf

Una classica partita di golf in Scozia

 

Momento Top gear on:
Ora, mazze a parte, magari vi interesserà sapere che la Opel, qui in territorio di sua maestà, prende il nome di Vauxhall e ha persino uno stemma diverso.
Questo perché sembrerebbe che la General Motors, che detiene entrambi i marchi (Opel e Vauxhall), abbia preferito lasciare il nome Vauxhall prevalentemente per un discorso di familiarità con il brand per il popolo british che poco é propenso a cambiare abitudini… (vedi alla voce “guida contromano”…)
Momento Top Gear off.

vauxhall

Il logo Vauxhall (Opel)

Vabbè, terminato il brutto approfondimento tipo Tg2 Motori la domenica a pranzo, lasciatemi partire dicendo che le vetture UK usate hanno dei costi sensibilmente inferiori rispetto ai nostri.

l43-areleh-harel-110819182020_big

Sempre di soldi alla fine si parla…

Questo probabilmente perchè (é una mia personalissima ipotesi) risulta difficile vendere una vettura con il volante dal lato sbagliato, in una nazione non UK e, tale difficoltà si ripercuote, in maniera abbastanza prevedibile, sul mantenimento del valore per il mercato dell’usato.

 

windows vista

Immagine dell’unica cosa che riesce ad essere più inutile di una macchina britannica portata in Europa.

Lasciatemi fare un esempio pratico proprio riguardo la mia vettura per le grandi occasioni: Una Vauxhall Meriva 1.7 CDTI del 2006 full optional, cinque porte con doppio tettuccio elettrico, quattro finestrini elettrici, ABS, Radio MP3, aria condizionata, specchietti elettrici, doppio accendisigari, gomme in ottimo stato (circa il 90%), 160000 Km e senza neanche un’ammaccatura, pagata 1295 Sterline.

les

Ma ho fatto pure il pieno…. Dai…

Nel momento in cui vi scrivo, su subito.it, non sono riuscito a trovare una Meriva, peraltro nemmeno full optional, del 2006, a meno di 3500 Euriz…

no grazie

Anche Les non è interessato alla Meriva italiana…

Una bella differenza no?

si

Si ok Les, ma adesso basta.Stai partecipando un po troppo…

Ah, giusto per completezza di informazioni, nel bel paese dove il concetto di leggera brezza viene utilizzato per le raffiche di vento comprese tra i 60 e i 90 km/h, il passaggio di proprietà non si paga.

estate

La delicata brezza scozzese. In agosto.

In pratica potresti cambiare macchina una volta al mese e, salvo i costi di modifica del contratto della polizza assicurativa, non avresti alcuna spesa… (generalmente una modifica di polizza si aggira sulle 30/35 sterline).

12189131_10207646255985202_2123655906944839277_n

Jim ve l’aspettavate vero?

Una piccola nota/consiglio che desidero condividere con voi: Prima di prendere baracca e burattini, e partire con la vostra cara macchina, informatevi per bene perchè spesso e volentieri, oltre ad essere antieconomico, rischiate pure di avere delle grane a livello burocratico visto che dopo un tot di tempo (informatevi QUI) bisogna fare la reimmatricolazione che é una mezza rogna. A tutto questo poi aggiungeteci che l’assicurazione dovrebbe costare di più anche perchè non é nemmeno tanto sicuro guidare in territorio britannico una macchina col volante dal lato giusto ma che, per ovvi motivi, qui verrebbe considerato più sbagliato della risposta “Si” alla domanda “L’Italia è una repubblica fondata sul lavoro?”.

si

LES PER FAVORE VATTENE

Ovviamente il problema piú grande riguarderebbe i sorpassi.
Una macchina col volante “giusto ma che in realtà è sbagliato” vi costringerebbe, in caso di sorpasso, ad invadere la corsia opposta con mezza macchina prima di vedere chi viene dall’altro verso, con conseguente rischio di bacetto con il veicolo in arrivo. Ora, a prescindere che baciare chiunque vi capita a tiro aumenta la probabilità di contrarre la mononucleosi, volete pure mettere in conto il carrozziere e, solo se siete particolarmente fortunati, il becchino? I costi alla fine lievitierebbero!!!

carrozziere

Il vostro carrozziere, nel pieno della sua felicità, dopo che gli avete portato la macchina incidentata

Se volete guidare in Scozia à meglio il volante a destra fidatevi!
Fine della piccola nota.

si

Grazie Les… ma adesso MOBBASTAVERAENTEPERÓ

Tornando alla mia Meriva da 1295 Sterle, non si puó non dire che l’abbia acquistata ad un prezzo più che onesto. É tuttavia di vitale importanza ignorare il fatto che ho avuto i peggio problemi possibili e immaginabili. Il tutto riconducibile, ovviamente, alla mia infinita fortuna…

 

disonore

Riuscirò a terminare un articolo senza disonorarmi?

Fortuna che ho trovato un meccanico lurido e incapace che lavora da cani ma che almeno è economico…

pomodoro

Una rarissima immagine di un dattero di mare, mentre attende l’alta marea, seduto composto sul dorso di un Mammuth albino con le ciabatte di gomma antiscivolo

E tanto per essere chiari, dire che il mio meccanico lurido e incapace che lavora da cani, lavora da cani, è un’offesa per i cani (ho appena fatto un virtuosismo linguistico degno di Dante)…
Vabbè, meccanico lurido e incapace che lavora da cani a parte, parliamo adesso della Road Tax (il nostro bollo).

gatto

Un cane

In UK esiste questa specie di bollo che ho deciso di pagare mensilmente, e che si aggira intorno alle 12 sterline mensili ma che, inutile dirvelo, aumenta in maniera progressiva in base alla cilindrata della macchina.

Macchine meno inquinanti tenderanno a pagare una road tax inferiore rispetto ad un D9 con il filtro dell’aria intasato, in salita e a pieno carico.

ibriuda

Un classico esempio di vettura ibrida, ad impatto ambientale praticamente nullo e, pertanto, esente da Road Tax

Se avete appena acquistato una macchinetta, o state per farlo, non preoccupatevi di registrarvi immediatamente per la road tax. Fatelo con calma quando siete a casa.

calmi

Senza fretta Francé. La Road Tax può attendere…

Questo giusto per dirvi che avete qualche giorno di tempo per registrarvi e non dovete farlo per forza dal concessionario/meccanico lurido e incapace che lavora da cani.

panda

Un cane mentre lavora alla sua serra idroponica a basso impatto ambientale. Si noti l’impianto fotovoltaico e il sistema di raccolta degli scarti.

Se vi state chiedendo come fare per registrare la vostra macchinia per la road tax, il vostro caro amico Stefano, gentile come una commessa sotto contratto a progetto, a pochi giorni dal rinnovo del contratto, vi viene incontro linkandovi l’apposito sito web dove troverete ogni informazione possibile e immaginabile!
SBARABAM!

commessa

Una rarissima fotografia di una commessa photoshoppata da Ray Charles.

Ora, dopo la road tax, è arrivato purtroppo il momento di parlare della cara Assicurazione RCA, ovvero quella cosa a metà tra un furto in casa e un conto dal dentista.
Nel Regno Unito non aspettatevi trattamenti di favore!
Siete immigrati? Allora pagate! Brutti e luridi italiani con la pelle scura, la pizza, i ricci e il mandolino!Questo è esattamente quello che ti viene in mente quando parli con la tua assicurazione per un preventivo…

 

caravaggio

Quando si parla di accoglienza…

Meno male che esistono siti comparativi tipo GoCompare.com (l’equivalente di 6sicuro.it in terra d’albione), direte voi!

Manco per niente! Vi rispondo io…

12305622_10207455508338228_1259258635_n

Calmo, caro il mio pizzettaro di via della scrofa, adesso mi spiego…

Quando ho fatto il preventivo su gocompare.com, la sera stessa, dal meccanico lurido e incapace che lavora da cani, mi uscì fuori un preventivozzo da 50 sterline al mese (sterla più sterla meno) che, mi apprestai a fermare elargendo, a mezzo carta di credito, una cosa come 100 sterline, peraltro sudatissime….

vincent money

Il mio portafogli appena pagata l’assicurazione

Questo perchè, almeno per quanto ho avuto modo di vedere, le assicurazioni si prendono subito il totale di due mesi e poi, dopo 30 giorni, iniziano con le rate “singole”.

In pratica si paga una rata doppia e, in seguito a quella altre 10 rate “singole”, per un totale di 12 rate totali. (Ovviamente si può anche pagare un premio annuale ma la differenza non è tantissima e, parlandone a quattr’occhi con il mio conto in banca, abbiamo optato per le rate mensili).

Immaginatevi come potevo sentirmi dopo piú di anno in cui avevo fatto talmente tanta strada a piedi da far impallidire Carl Louis, Usain Bolt, Patrick Schwazer con tanto di cioccolatini kinder e Forrest Gump messi insieme, al volante della mia brum brum da gran galà: mi sentivo come il ragionier Filini davanti i dettagli degli stivali dei soldati russi: in estasi.

freedom

Io, appena sono salito in macchina

Vi farà quindi piacere sapere che, mentre tornavo a casa e provavo l’ebbrezza di guidare la mia macchinetta nuova, dal lato sbagliato della strada e con il volante dal lato sbagliato della macchina, più o meno a metà strada tra il meccanico lurido e incapace che lavora da cani , e casa mia, il servosterzo decide di rompersi e di lasciarmi con una vettura dal volante più duro di un muro di cemento e simpatico come una nonnina in una sartoria mentre cerca di chiedere uno sconto).

12189131_10207646255985202_2123655906944839277_n

Zitto Jim, non me ne parlà

 

Arrivato a casa, stanco come un minatore sardo alla fine di un doppio turno, chiamo il meccanico lurido e incapace che lavora da cani che, triste come un vegano portato a forza alla sagra del cinghiale, mi invita a tornare in officina il giorno dopo confermandomi che, a spese sue, avrebbe sistemato il tutto.

Il risultato è stato di un bel servosterzo nuovo di pacca e un meccanico lurido e incapace che lavora da cani particolarmente infelice e depresso, nonché lievemente più povero

Vabbè, mors tua vita mea…

fonzi stupito

Giovanna D’arco si stupisce del fatto che parlo anche il Suomi

Visto che adesso la mia bella macchinetta era pronta a solcare le tortuose viuzze scozzesi, non mi restava che inviare tutti i miei documenti all’assicurazione (patente, carta di identità e attestato di rischio che mi ero fatto inviare dall’italia), come richiesto via email poche ore dopo la registrazione della polizza.

Prendo quindi tutta la mia mercanzia e, diligente come un democristiano durante l’assegnazione delle poltrone, invio il tutto a mezzo email.

anatra

Una foto completamente random di uno schermo protettivo per Iphone 3s

Tranquillo e rilassato come un manifestante No TAV in una questura della Val Di Susa, attendo l’approvazione dei miei documenti da parte dell’assicurazione.

facesweat

La mia serenitá subito dopo aver inviato i documenti all’assicurazione

Inutile dirvi che dopo una decina di giorni, mi contattano dall’assicurazione dicendomi che il mio attestato di rischio non poteva essere considerato valido e che mi avrebbero alzato l’assicurazione alla modica e delicata cifra di 99 sterline mensili più una spesa di 35 Sterline dovute al fatto che avrebbero dovuto fare delle modifiche al mio attuale contratto assicurativo.

disonore

Come avrete ormai capito, il disonore è parte integrante di quasi tutte le mie esperienze scozzesi…

In pratica, oltre al danno di vedermi quasi raddoppiato il premio mensile, mi sono ritrovato pure a dover pagare una specie di penale che l’unica cosa che mi viene in mente é limortaccivostra.

Inutile dirvi che, nervoso come un milanista in un ristorante cinese, ho fatto una bella litigata con l’assistenza clienti che, ovviamente, ha portato meno risultati di un pluriripetente con la terza media a cui hanno assegnato una funzione logaritmica in base 10.

very-angry-man-shutterstock

Al telefono con l’assistenza clienti…

In pratica, adesso, il conteggio aggiornato del costo di una macchina è il seguente:

– Vettura da gran galà usata: 1295 Sterline

– Road tax: 12 Sterline (centesimo piú centesimo meno)

– Assicurazione con copertura RCA e limortacciloro: 99 Sterline al mese

Alla fine della fiera la macchinetta mi costava tra road tax e assicurazione, la modica cifra di 111 sterline al mese (sempre centesimo piú centesimo meno).

panic

Rappresentazione per immagini delle mie finanze

Da li in poi sono stato talmente tanto occupato che, tra lavori a casa per la guest house, lavoro in genere, secondo lavoro, famiglia, respirazione, nutrimento, sistola e diastola non sono riuscito a trovare un momento per mettere le mani a quella che piú che un’assicurazione, stava diventando un’emorragia interna del mio conto in banca.

desert.JPG

Il mio conto in banca

Finalmente, dopo una cosa come 5 mesi, sono riuscito a mettere mano alla situazione e, mentre tornavo a casa dal lavoro ho contattato la mia assicurazione (la simpatica e disponibilissima IGO4) e ho richiesto la cancellazione immediata. La cosa assurda é che é stata talmente tanto immediata che mi sono fatto metá viaggio di ritorno senza assicurazione, illegale come il PC di un adolescente a cui hanno finalmente installato la fibra ottica.

torrent

L’illegalità fatta icona

Vabbé, illegalitá stradale e informatica a parte, una volta arrivato a casa, mi sono messo al pc e, grazie a Direct Line, sono passato da 99 sterline mensili a circa 57.

giani

Bella Gianni ho risparmiato 40 sterline!! Batti cinque!!! Anzi fermo, no! FERMO! SBAM…

Se ripenso a questi ultimi mesi e al fatto che ho regalato kilogrammi di soldi a quei malfattori di IGO4 mi prende il nervoso quindi lasciamo perdere va….

Facciamo quindi un ultimo e definitivo riepilogo per chi, come il sottoscritto, ha comprato una macchina ed é stato costretto a partire dall’ultima classe.

Ma prima… Momento linguistico on.

Giusto per mettere i puntini sulle “i”, qui l’attestato di rischio viene definito “Bonus Claim” e, partire dall’ultima classe viene definito come “No Bonus Claim”.

Momento linguistico off.

Questo quindi in linea di massima é quanto dovete sborsare per mantenervi una macchinetta in Scozia:

– Assicurazione: 57 Sterline/mese

– Road Tax: 12 Sterline/mese

– MOT (revisione): nel mio caso va fatto ogni anno e costa 25 sterline

Totale: 721 Sterline annue.

Considerando che bisogna ripartire dall’ultima classe non ci si puó lamentare nemmeno tanto…

L’antica profezia Maya narra che dopo due anni di assicurazione, ovviamente se si evita di fare incidenti a destra e manca, il premio assicurativo cali di molto… A quanto corrisponda questo “molto” non ci è ancora dato sapere… Purtroppo… Vi terrò aggiornati tranquillI!

Scusate ma adesso vi saluto che la macchina mi sta facendo un rumore strano e devo andare dal meccanico.
Quello lurido e incapace che lavora da cani ovviamente.

Un abbraccio che ti fa sentire come se avessi appena fatto il tagliando.

Ste

Se hai ritenuto questo articolo una cosa che dovrebbe essere insegnata nelle scuole, o se come ormai praticamente ogni abitante della Lapponia, non riesci piú a dormire senza leggere un mio articolo, sopportami! Ehmmmm, volevo dire sUpportami!
Condividi a pioggia, intasa le bachece di chi conosci e anche di chi non hai mai visto, spollicia come se dovessi fare a gara con Fonzie e prendi a calci quel maledetto juke box che si è appena incantato l’ultimo LP dei Beach Boys!
Per quanto mi riguarda vi do appuntamento al prossimo articolo e spero che la vostra begonia sia sempre verde e rigogliosa.
A presto gente, e come dice ogni volta il DNA all’inizio di ogni discorso, AUG

 

si

Un abbraccio. Les

 

Annunci

3 thoughts on “La brum del capo: quanto costa una macchina in Scozia?

  1. Juana R ha detto:

    Ciao Stefano,

    Magari le cose funzionano diversamente in Scozia, questo puoi confermarmelo tu, ma l’acquisto e la gestione di una vettura non sono stati cosi’ dispendiosi per me, al sud del Vallo.

    La MOT costa tra i 35 ed i 45, a seconda di dove hai la fortuna di andare, quindi e’ piu’ cara, ma l’assicurazione mi e’ parsa molto piu’ economica che in Italia, mentre il prezzo d’acquisto, al contrario, e’ stato piu’ elevato, per la classe di auto da me scelta (mini). Sicuramente anche quello dipendera’ dal modello, dall’anno e dalla marca di vettura.

    Il primo anno ho pagato 950£ (no bonus claim anch’io), il secondo 510. Mi aspetto di pagarne sui 400 arrivata al terzo. E’ una FIAT, quindi costa poco per definizione (road tax 30£ annui), ma se fosse stata una Fox o una Adam mi sarebbe costata solo poco di piu’.

    Certo e’ che, al di la’ dei costi che sottolinei giustamente tu, non bisogna dimenticare che avere una macchina, per quanto comfort enorme (disse quella che si fece 6 anni di viaggi della speranza in bus/metro/treno), e’ come avere un bambino: ogni tanto se ne esce come una spesa. Nota positiva: la notte ti lascia dormire in pace. Questo finche’ non decide di spaccare il cambio in mezzo alla strada, come e’ successo a me, e di costarti una settimana di stipendio. Succede.

    Mi piace

    • Scarpe Sciolte ha detto:

      Ovviamente una macchina richiede per forza di cose una serie di costi legati alla gestione ma quelli, come é ovvio che sia, sono piú che sottointesi e mi sembrava un’offesa all’intelligenza di chi segue questo brutto blog, andarne a parlare 😉
      Una cosa non ho capito peró, puo spiegarmi a cosa ti rifersici con la frase
      “ma l’acquisto e la gestione di una vettura non sono stati cosi’ dispendiosi per me”?

      Mi piace

  2. […] ad andare dal mio meccanico lurido e incapace che lavora da cani (quello di cui ho parlato in QUESTO articolo) per fare una piccola manutenzione e fare il MOT, ovvero, la revisione annuale (la mia […]

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

La nostra guest house

Ciao bella gente! É con estremo piacere che vi informo che finalmente la nostra guest house é pronta! Se cercate, quindi, un bel letto matrimoniale comodo con TV e Wi-Fi vi consiglio di dare un'occhiata al nostro sito web! Stefano, Federica, la piccola Ale e quel mattacchione di Totó, vi danno il benvenuto a "The Shire": la nostra guest house nel cuore della Scozia Centrale :-) www.theshireguesthouse.com

Archivio

Calendario dei post

agosto: 2016
L M M G V S D
« Lug   Set »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: